HomeChi sono ioLe mie ideeBlogContattami
Think Tank Italiano
Blog
RSS
Risposta a Emilio Fede e a Mariastella Gelmini, Manifestazione di parte o di radical chic?
2011/02/14 21:06:19

A Milano alla manifestazione c'era Franca Rame, candidata dell'IDV (Centro-sinistra), c'era Flavia Perina, direttrice del secolo d'Italia e di FLI (Centro-destra, quello vero però, quello di Cameron...), Sara Giudice, giovane del PDL (Centro-destra, quello finto però. Ma almeno lei ha saputo criticare la Minetti e anche il suo partito), Claudio Scarlino, ex-PDL e ora in FLI (Centro-destra), Nichi Vendola di SeL (Sinistra). </b>

Ti sembra una manifestazione di una parte??

<b>A Roma, invece, c'era Concita de Gregorio direttrice dell'Unità (Centro-sinistra), Rosy Bindi del PD (Centro-sinistra), Susanna Camusso della CGIL (Centro-sinistra), Giulia Bongiorno, ex PDL ora in FLI (Centro-destra).</b>

Poi sai quante altre persone ho incontrato, persone non berlusconiane, certo (e ci mancherebbe, come fa una donna ad apprezzare chi le disprezza e sfrutta solo il loro corpo...)ma anche di Centro-destra. Ripeto, alla manifestazione c'ero e posso parlare; si incontrava di tutto, dal muratore all'operaio, dall'ingegnere nucleare al Prof. di Storia. Donne che credono che la loro dignità sia lesa da un Presidente del Consiglio che rovina l'immagine dell'italianità all'esterno (leggi i discorsi di Sarah Palin o Ron Paul su Berlusconi e la "battuta" di Cameron. Di centro non sono di sinistra, di certo antiberlusconiani)e uomini (come me) che non si sentono rappresentati dall'ideale berlusoniano di donna, uomini che "non provano atrazione per la ragazza seminuda che in televisione prende una torta in faccia muta (cit.)" ma per persone che hanno un cervello, uomini che amano le donne, non le sfruttano,
Questa è l'Italia che è scesa in Piazza; il buon Fede, puttaniere come il Capo (per capirlo basta vedere lo scherzo fattogli a scherzi a parte...)dovrebbe vedere con i propri occhi la gente che manifestava, non attaccarsi a piccoli slogan...

P.s. Alla Gelmini ricordo che i radical chic solitamente non vanno in piazza ma rimangono nei salotti; non credo nemmeno ci siano 1 milione 150 mila radical chic in Italia. Guardasse il Paese vero senza dire "la maggioranza degli italiani ci appoggia va..." (sempre che sappia cosa vuol dire radical chic, maggioranza e italiani)

Mailbombing al Presidente della Repubblica
2011/02/10 22:15:43
QUESTO E' IL TESTO DA INVIARE all'indirizzo

presidenza.repubblica@quirinale.it 

o a questo link:

https://servizi.quirinale.it/webmail/

Preg.mo Signor Presidente della Repubblica

L'articolo 88 della nostra Carta Costituzionale rimette nelle Sue mani una grande capacità, Lei puó salvare il Paese.
Signor Presidente, da umile cittadino io le chiedo di sciogliere le Camere visto che sono in essere tutti i presupposti che il sopra citato articolo recita.

"il Presidente della Repubblica puó seguire allo scioglimento delle Camere se sono in essere attacchi alla Costituzione ed allo Stato"

Signor Presidente, Silvio Berlusconi nella persona del Presidente del Consiglio dei Ministri, e tutto il suo Governo, perpetuano quotidianamente un attacco alla nostra Costituzione, allo Stato e a tutto il Popolo.
Decretano leggi in una sorta di conclavi notturne più degne di paesi sud americani che di una nazione democratica.

Federalismo, legge sulle intercettazioni, la riforma della scuola, condono fiscale, processo breve.
Sono solo alcuni esempi questi di leggi e di tentati decreti (ultimo Federalismo da Lei sventato), che innegabilmente calpestano la nostra Costituzione.

Le ultime dichiarazione del Presidente del Consiglio poi sono deliranti.
Un capo dei Ministri che disconosce l'operato e la rispettabilità della magistratura dichiarandola "faziosa, rossa, sovversiva e golpista" non è degno di ricoprire nessun ruolo istituzuonale.
Le ricordo che se io da libero cittadino facessi tali affermazioni, sarei condannato senza possibilità di appello.

Siamo in grave crisi Signor Presidente, una crisi nera ed ormai sull'orlo dell'irreversibilità, con un divario fra nobiltà e Popolo, che è pari solo alla Francia di Luigi XVI.

Egitto, Tunisia, Algeria, Grecia...
Lei che è stato un Compagno, Lei che è stato uno di noi, Lei Signor Presidente, lo sa che differenza passa fra questi paesi ed il nostro?
Il Popolo, noi abbiamo smesso di esserlo tanti e tanti anni fa.

Lo faccia per chi ha dato la vita per la nostra Nazione, lo faccia per tutti quei lutti che ogni giorno rabbuiano la quotidianità, lo faccia per Lei e per la sua rispettabile e gloriosa vita vissuta...
I requisiti ci sono tutti, Signor Presidente, sciolga le Camere... ci salvi Lei
Berlusconi Targeted for Trial in Sex Case
2011/02/10 20:11:25

ROME—Italian prosecutors requested that Prime Minister Silvio Berlusconi stand trial on charges of patronizing an underage woman for sex and abusing his powers in an attempt to cover up the relationship.

In a request filed Wednesday to a Milan judge, prosecutors alleged Mr. Berlusconi compensated Karima El Mahroug, a Moroccan dancer who goes by the nickname "Ruby," for sexual favors when she was 17 years old, according to a statement from prosecutors.

Prosecutors also requested that the Mr. Berlusconi be indicted on charges of abuse of power for making a phone call to police in May 2010 to allegedly press for the young woman's release from police custody. The call, prosecutors allege, was made to prevent authorities from questioning the youngwoman about her ties to the Italian leader.Mr. Berlusconi called the request "laughable" and "shameful."

"The only objective of these farcical and groundless trials is to defame me in the media," Mr. Berlusconi told reporters.

Piersilvio Cipolotti, a lawyer for Mr. Berlusconi, said there was "no evidence whatsoever" that Mr. Berlusconi had sexual relations with Ms. El Mahroug. Mr. Cipolotti also denied Mr. Berlusconi put any pressure on police when he phoned them in May to ask for the release of Ms. El Mahroug, who had been detained for allegedly stealing cash from an acquaintance.

Ms. El Mahroug, who has denied having sex with Mr. Berlusconi, hasn't been under investigation as part of the probe and is considered an injured party in the case, prosecutors say. Mr. Berlusconi has also publicly denied having sex with Ms. El Mahroug.

Italian Prime Minister Silvio Berlusconi says attempts to try him on sex charges are "disgusting and disgraceful", and insists the allegations are simply a smear campaign. Video courtesy of Reuters.

If Mr. Berlusconi is indicted, Italy's billionaire conservative premier would have to stand a fourth criminal trial; he is already facing trials on charges of bribery, tax fraud and embezzlement—all charges he has repeatedly denied.

Any trial on the new charges, however, would delve into the media mogul's lavish personal lifestyle—an area the premier considers off-limits to the public. So far, prosecutors' monthslong investigation into the premier's alleged relations with Ms. El Mahroug—who attended private parties Mr. Berlusconi regularly hosted at his villas—hasn't significantly weakened public support for the prime minister, partly because many Italians believe Mr. Berlusconi's argument that he is being persecuted by left-wing prosecutors and the media.

The 74-year-old premier and Ms. El Mahroug have both said she attended "normal dinners" at the premier's villa, where she received gifts from the premier, including thousands of euros in cash.

A trial would involve public and detailed testimony about the parties, which have been heavily criticized by Italy's opposition politicians, many prominent Italian women and Catholic officials. Under Italian law, prostitution isn't a crime, but it is illegal to pay a minor for sexual relations.

A trial could also further destabilize Mr. Berlusconi's wobbly center-right governing coalition and hamper the government's attempts to fulfill its agenda, which includes badly needed measures to spur economic growth and overhaul Italy's sluggish justice system. The Northern League, a formerly separatist party that is the linchpin of Mr. Berlusconi's governing coalition, has threatened to seek early elections if the government fails to enact one of its promised measures: the decentralization of public spending.

Speaking on Wednesday, Umberto Bossi, leader of the Northern League, said the premier "has his faults," but criticized prosecutors for seeking an "all-out war" with Mr. Berlusconi and his supporters in Parliament.

Prosecutors in January filed hundreds of pages of court documents, viewed by The Wall Street Journal, to Parliament that included wire-tapped conversations of women describing how they competed for the premier's attention during late-night soirees at his Milan villa, donning nurse uniforms and other outfits, and then were given money or gifts.

The court documents also detail routine money transfers from one of Mr. Berlusconi's bank accounts to the alleged prostitutes. The documents were filed to Parliament because, under Italian law, the lower house has to approve any request by prosecutors to search a lawmaker's properties.

Mr. Berlusconi, in his capacity as premier, is a member of the lower house, which ultimately rejected the prosecutors' request. Mr. Berlusconi has described the investigation as an invasion of his privacy and criticized prosecutors for tapping the cellphones of young women and other members of his entourage for months.

In the indictment request filed on Wednesday, prosecutors allege Ms. El Mahroug attended several soirees between February and May of 2010 and that she had sexual relations with the premier at his villa. To speed up the legal process, prosecutors requested that Mr. Berlusconi's potential trial skip preliminary hearings, saying there is "clear evidence" to support the charges, according to the prosecutors' statement.

They said the evidence filed to the court includes wiretaps of the premier himself that haven't been publicly disclosed. Mr. Cipolotti said the premier's office is shielded from wiretaps under Italian law, adding that Mr. Berlusconi's legal team would challenge any attempt to admit wiretaps of the premier as evidence in court.

Over his 16 years in politics, Mr. Berlusconi has faced several criminal trials that have ended in acquittals or have been dismissed after the statute of limitations expired. His government has repeatedly passed laws that shield Mr. Berlusconi and other top officials from prosecution only to see them struck down by Italy's high court. Mr. Berlusconi's government has for several months been trying to pass a law in parliament that would place time limits on trials, forcing judges to throw criminal cases out of court regardless of whether the statute of limitations has expired.

-------------------------------

Questo è quanto la stampa italiana pensa del nostro Presidente del Consiglio. E lui continua a dire, "chi pagherà?", beh saremo noi cittadini a pagare le sue figuracce, come sempre

Indro Montanelli, L'ultimo articolo
2011/02/10 12:25:07

Questo è l'ultimo articolo che compare a mia firma sul giornale da me fondato e diretto per vent'anni. Per vent'anni esso è stato - i miei compagni di lavoro possono testimoniarlo - la mia passione, il mio orgoglio, il mio tormento, la mia vita. Ma ciò che provo a lasciarlo riguarda solo me: i toni patetici non sono nelle mie corde e nulla mi riesce più insopportabile del piagnisteo. Sento però di dovere una spiegazione ai lettori coi quali mi ero impegnato a restare al mio posto "finchè morte non sopravvenga" come dicevano i boia inglesi nell'annodare la corda al collo degl'impiccandi. Sia chiara una cosa: nessuno mi ha scacciato.

 

Sono io che mi ritiro per una dei quelle situazioni d'incompatibilità di cui i lettori avranno preso atto dallo scambio di lettere, da noi pubblicate ieri, fra me e l'editore. Di questo editore, ne ho conosciuti due. Uno è stato l'amico che mi venne incontro nel momento in cui tutti mi voltavano le spalle: che non si è mai avvalso di questo titolo di credito per limitare la mia indipendenza, che ha sempre mostrato nei miei riguardi un rispetto confinante e talvolta sconfinante nella deferenza (tutte cose che era superfluo da parte sua ricordarmi perchè non ho mai perso occasione di farlo io stesso). Eppoi ne ho conosciuto un altro: quello che, trasformatosi in capo-partito, ha cercato di ridurre il Giornale ad organo di questo partito suggerendogli non soltanto le posizioni da prendere - e sulle quali non c'erano in fondo grosse divergenze - ma perfino il linguaggio da usare, e che, a lasciarlo fare, avrebbe finito per impormi anche la "divisa"del suo partito, il suo look.

 

 

Tralascio le rappresaglie contro la mia renitenza all'arruolamento, come gli attacchi dei suoi Grisi televisivi alla mia persona. Ma non posso sorvolare sull'ultima e più grave provocazione: la promessa alla redazione, alla mia redazione, di cospicui benefici se si fosse adeguata ai suoi gusti e desideri, cioè se si fosse ribellata a quelli miei.

 

A questo punto non avevo più scelta. O rassegnarmi a diventare il megafono di Berlusconi. O andarmene. Me ne vado. Ma non senza avvertire i lettori che manterrò l'impegno preso con loro. Fra poche settimane essi riavranno il loro giornale, fatto dagli stessi uomini del Giornale, illustrato dalle stesse firme e nutrito delle stesse idee del Giornale. Con qualche difetto - speriamo - in meno, ma una cosa in più, di cui l'esperienza mi ha dimostrato l'assoluta necessità: un assetto azionario che mi garantisca l'incondizionata indipendenza. Anche i lettori potranno parteciparvi (e mi auguro che siano tanti) sia pure con quote piccole o minime.

 

Della nostra "linea" non abbiamo da cambiare una virgola. Nemmeno i nostri amici politici si facciano illusioni. Noi potremo appoggiare l'uno o l'altro a seconda che si schierino sulle nostre posizioni liberaldemocratiche, ma mai noi su quelle loro, e tanto meno a scatola chiusa. Nelle nostre pagine si respirerà, come sempre, il più grande rispetto per le Istituzioni, ma mai l'odore del Palazzo, da chiunque abitato. Quanto a Berlusconi, nessun rancore ci farà velo. Gli abbiamo detto - e confermiamo - che il suo massiccio e rumoroso intervento nell'arena elettorale non gioverà, secondo noi, nè alla causa per la quale egli pensa di battersi, e di cui temiamo che frazionerà ancora di più le forze, nè per i suoi propri interessi. I fatti diranno se avevamo ragione o torto. Se avevamo torto, lo riconosceremo lealmente. Se avevamo ragione, fingeremo di essercene dimenticati. A presto dunque, cari lettori.

 

 

 

Anche a costo di ridurlo, per i primi numeri, a poche pagine, riavrete il nostro e vostro giornale. Si chiamerà La Voce. In ricordo non di quella di Sinatra. Ma di quella del mio vecchio maestro - maestro soprattutto di libertà e indipendenza - Prezzolini.

 

Indro Montanelli, 

12 gennaio 1994

Marrazzo e la trans, Libero ci ricasca
2011/02/07 01:48:34
La notizia d’apertura di Libero di oggi è una non-notizia:

avvenuto in via Tuscolana, all’angolo con via dell’Arco di Travertino. A fermare l’ex presidente della Regione, visibilmente imbarazzato per la sfortunata circostanza, è stata una pattuglia dei carabinieri del Nucleo Radiomobile della Capitale durante un consueto posto di blocco. I militari, che stavano effettuando normali controlli sulle auto in transito a quell’ora sulla Tuscolana, a un tratto si sono imbattuti in una Lexus 4000, con i vetri scuri. Una macchina grossa, che certamente non passa inosservata. E infatti i carabinieri hanno deciso di alzare la paletta e di procedere all’identificazione.

Non appena la vettura ha accostato, i militari, stupiti, si sono trovati davanti Piero Marrazzo. L’ex esponente del Pd era alla guida, ma non era da solo: accanto a lui era seduto un trans, con i capelli lunghi e castani, legati con una coda. E prima ancora che venissero richiesti i documenti ai due passeggeri, Marrazzo, barba incolta e abbigliamento molto casual, ha cercato di scusarsi, sfoggiando un insolito accento calabrese. Sperando forse, in questo modo, di non essere riconosciuto. Per lui, però, hanno parlato bene i documenti: quelli dellaLexus, intestata all’ex moglie Roberta Serdoz, e la patente di guida con il nome, cognome, la data di nascita e la residenza dell’ex governatore.

Marrazzo si è subito giustificato, dicendo che stava semplicemente accompagnando l’amica a casa. Il viado, un sudamericano che ha un regolare permesso di soggiorno, infatti vive al Quadraro ma è stato fermato più volte su viale Giotto, in zona Piramide, dove il trans è solito attendere i clienti. Dal controllo, comunque, non è emersa alcuna irregolarità né penale né amministrativa nei confronti di Marrazzo, il quale aveva tutti i documenti in ordine, rispettava i limiti di velocità consentiti e manteneva un’andatura regolare. Però, come previsto nel caso di posto di blocco, i nominativi dei due occupanti della Lexus sono stati scritti, loro malgrado, nero su bianco sul brogliaccio, il pieghevole a cui i carabinieri hanno allegato una relazione di servizio dove sono riportati i fatti accaduti in quei pochi minuti.

 

Il fatto è avvenuto una settimana fa, e si capisce benissimo che nemmeno sarebbe arrivato alle cronache: nessun reato, nessun sequestro, nessuna infrazione, nessuna multa, nemmeno un grammo di droga. Chiamare di nuovo in causa l’ex governatore del Lazio dovrebbe invece ricordare agli autori di Libero che Piero Marrazzo all’epoca si dimise per la storia in cui fu coinvolto pur risultando parte lesa nei procedimenti giudiziari che la seguirono. Altri, invece, continuano a fare cose che alla morale comune fanno un po’ ribrezzo ma rimangono attaccati alla poltrona.

Il corpo delle donne
2011/02/05 09:40:35
Cioè, secondo me non esistono prostitute che scelgono "liberamente" di farlo; se per alcune la costrizione viene da qualche "pappone" che le obbliga con la forza per altre il discorso è diverso.
In questa "dittatura mediatica", in questa "pornocrazia", sta passando il concetto che prostituirsi per ottenere l'obiettivo (vedi, entrare in TV dove se non ti prostituisci, ora come ora, fai poca strada)è un nuovo valore.
Le ragazze, quindi, fin da quando sono piccole, sono bombardate dalle immagini di donne molto discinte nei programmi TV, di modelle taglia 30. Davvero in minima parte, sul piccolo schermo, appaiono donne intelligenti nonostante, nel paese, ce ne siano molte e molte di più.
Basta vedere TUTTI i programmi TV (eccetto davvero pochi) e si capirà cosa si pensa delle donne; da Striscia la Notizia a tanti altri programmi (compreso un TG Nazionale su una rete Mediaset). Le donne sono "inserite" nel contesto senza dover parlare, dovendo solamente mostrare il proprio corpo al servizio degli uomini.
E anche se la loro scelta è volontaria non chiamo questa libertà; lo farei se vivessimo in una democrazia.
Sono obbligate da un sistema malato che le costringe, per buttarsi nello spettacolo (perché avere un sogno è ancora lecito in questo Paese)a prostituirsi o fisicamente o intellettualmente.
Questo è reso ancora più grave da genitori che spesso abbandonano i figli a loro stessi (non sempre per colpa loro)e che ogni tanto apprezzano anche le loro figlie disinibite. 
Se il femminismo aveva restituito il corpo delle donne a loro stesse questa dittatura mediatica lo sta rimettendo in vendita, al miglior offerente.
E' questo che dobbiamo cambiare, quando una donna, <b>studiando</b>, avrà la stessa possibilità di arrivare a una professione rispetta a una che vende* (non concede, questo è importante) il proprio corpo allora potremmo dire di aver raggiunto il nostro obiettivo.
Fino ad allora non possiamo permetterci di parlare di libertà

* Vendere il proprio corpo, secondo la nostra Costituzione, e in particolare secondo il principio di "non utilizzo" della propria vita, diritto fondamentale sancito dall'Articolo 2, è vietato. Come io non posso tagliarmi un braccio non venderlo non posso nemmeno vendere il mio corpo per soldi.
6 voci totali


Politica Italiana
Politica Internazionale
Gennaio, 2011
Febbraio, 2011
HomeChi sono ioLe mie ideeBlogContattami
Articoli di Davide Valentini